marco taradash intervistato da giovanni cervi ciboldi a L'Italiota - L'attualità on air su Ucampus

Intervista a Marco Taradash – da L’Italiota del 19/03/2013

Berlusconi da liberale a conservatore, Grillo e il “fascismo buffo”, la magistratura e l’uso politico della giustizia: questo e molto altro nell’intervista a Marco Taradash, ospite a “L’Italiota – L’attualità On Air” condotto da Giovanni Cervi Ciboldi su UCampus, la Radio dell’Università di Pavia.

Annunci

2 thoughts on “Intervista a Marco Taradash – da L’Italiota del 19/03/2013

  1. In effetti alncue di queste cose non sono del tutto insensate. Ad esempio che un laureato di tre anni possa prendersi la responsabilite0 del progetto di una casa non mi sembra tanto strano. La laurea di tre anni non nasce per fare prima. La laurea di tre anni serve per tutte quelle persone che si laureano, che so, in ingegneria e poi vanno a svolgere un ruolo amministrativo. Non per chi deve prendere la laurea per fare proprio quel mestiere, almano ad un certo livello.Il problema (e la soluzione) secondo me e8 un altro. Perche9 a chi va a svolgere un ruolo amministrativo e8 richiesta una laurea in ingegneria? Perche9 ci sono concorsi in cui e8 richiesta una QUALUNQUE laurea? Questo e8 privo di senso. Ogni laurea mi de0 certe competenze. Dal fatto che abbia una qualunque laurea non si puf2 dedurre che io abbia alcuna competenza.Questa cattiva abitudine incentiva ad iscriversi ad un corso di laurea anche le persone che non hanno voglia o interesse a farlo. Il risultato per la comunite0 e8 forza lavoro sprecata per anni.Secondo me si dovrebbe (si sarebbe dovuto molti anni fa, ormai e8 difficilmente fattibile) disincentivare questa cattiva abitudine di richiedere una laurea ai concorsi. Si dovrebbe perdere l’abitudine di sottovalutare chi non e8 laureato. Di conseguenza si dovrebbe iscrivere all’universite0 solo chi ha veramente un interesse nello studio di un certo argomento. Tanto non possiamo essere tutti avvocati, dottori e ingegneri. Il numero di laureati all’anno in Italia dovrebbe calare, non crescere, ma il tempo che ci si mette dovrebbe diminuire. Diminuire non perche9 si accorcia il percorso di studio, ma perche9 la gente che e8 dentro studia. E infine si dovrebbero togliere tutte le facolte0 ridicole create negli ultimi anni, istituite dalle universite0 allo scopo di attirare pif9 studenti (= pif9 finanziamenti).

    • Totalmente d’accordo su X Factor e Servizio Pubblico. Il primo e8 stato resuscitato da Sky dopo le ulmtie stagioni su Rai Due e ora l’intenso lavoro di make up l’ha reso cosec poco italiano da sfuggire alla definizione di reality o talent (per come la conoscevamo noi almeno), per dare spazio a un vero e proprio concerto ogni settimana, estremamente godibile e scorrevole nonostante la durata. Un merito anche quello di essere usciti dalla logica di un voto per un euro, a vantaggio di una partecipazione pif9 ampia e attraverso i social network.Su Servizio Pubblico, visto in rete il giorno dopo ovviamente, non posso che condividere il giudizio positivo. Santoro e8 uno showman che, piaccia o non piaccia, sa fare il suo lavoro. Ottimo il fatto che non sia in concorrenza con PiazzaPulita, come invece avveniva l’anno scorso.Su format di Rai Due, invece, non posso esprimermi avendone visto solo alcuni spezzoni, ma credo di avere pregiudizi troppo grossi su quel cretino del post-re per poterlo giudicare oggettivamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...